Ricorso per il Riconoscimento del titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito all’estero

In relazione alla decisione, da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, di negare il diritto dei docenti, regolarmente abilitati all’estero, di svolgere la professione in Italia, lo Studio Legale Cundari ha ritenuto sussistere i presupposti per l’avvio di un ricorso finalizzato ad ottenere il riconoscimento del titolo di abilitazione all’insegnamento conseguito all’estero.

Il Ministero, in una nota, ha precisato che, per coloro che abbiano conseguito il titolo di formazione in uno degli Stati presso cui la formazione e la professione di docente non sono regolamentate, è richiesto un esercizio della professione a tempo pieno presso la scuola statale estera per la durata di un anno, durante il decennio precedente alla domanda di riconoscimento.

Il ricorso si pone dunque l’obiettivo di accertare l’illegittimità della nota ministeriale, che si fonda su un’interpretazione errata delle Direttive 2013/55/UE e 2005/36/CE, che regolano le condizioni per il riconoscimento del titolo di formazione nei paesi aderenti all’U.E.

Il ricorso è rivolto a tutti i docenti abilitati all’estero che abbiano inoltrato al Ministero dell’Istruzione istanza di riconoscimento del titolo conseguito.
Gli interessati sono invitati a contattare direttamente lo Studio per fissare un appuntamento.

Adesione al Ricorso

Per aderire al ricorso compila il modulo sottostante. Lo studio Cundari provvederà a contattarla il prima possibile.

Per informazioni e dettagli: 
Tel: 0823-345169 Fax: 08231848215 – info@studiolegalecundari.com